In Rilievo

11.10.2018

Concluso il XXVIII Congresso Simet 15 - 18 novembre a Cesenatico

Salvaguardia del SSN e inversione di rotta sulle politiche del personale centrali nella relazione del Segretario Mazzoni

 

Programma

Mozione Congressuale          ANSA

QUOTIDIANO SANITA'

PANORAMA SANITA'

DOCTORNEWS

Si è concluso domenica 18 novembre a Cesenatico il Congresso SIMET- FASSID Area Simet che ha visto un serrato confronto interno tra dirigenti e quadri sindacali dello storico sindacato. Al centro della discussione ovviamente il delicato momento politico nel quale ci si trova ad affrontare un rinnovo del contratto di lavoro dei medici, fermo da dieci anni, in una incertezza totale sulle risorse economiche destinate e sulla programmazione gestionale. Ma nei lavori congressuali c’è stato anche ampio spazio alla formazione, con due ECM dedicati alla nuova privacy (Avv. Teresa D'Amico) e alla politica vaccinale (Prof. Carlo Signorelli-Dott. Rosario Mete). A questo link gli interventi autorizzati dagli autori.

Consulenze

- Trattamento previdenziale (pensioni, TFR)
Ogni primo e terzo lunedí del mese dalle 10.30 alle 12.30 presso la Sede Nazionale. [info]

- Consulenza trattamento economico (buste paga)
Ogni primo giovedí del mese dalle 17.00 alle 19.00 presso la Sede Nazionale. [info]

Bacheca
Visita il sito della Fondazione ONAOSI   Visita il sito di Medici Senza Frontiere
Notizie

06.09.2019

Siglata ieri la pre-intesa ACN

Dopo l’accordo del 5 agosto firmata definitivamente ieri la pre intesa sul nuovo Acn. L’accordo sblocca gli arretrati/incrementi per i medici di famiglia (88 mln di euro) e da via libera agli incrementi stipendiali per i medici di famiglia. E chiarisce ll'attuazione delle norme introdotte dai Dl Semplificazione e Dl Calabria per gli incarichi ai medici in formazione (riguarda circa 6.000 medici in formazione nei prossimi tre anni). L’accordo andrà a regime dal 2020 ma si attende il via libera all’atto d’indirizzo da parte del Governo, poi il testo passerà alla Corte dei conti per poi tornare al Comitato di settore ed essere ratificato dalla Conferenza delle Regioni. Preintesa acn

03.09.2019

Convocazione tavolo trattative rinnovo ACN medicina generale – giovedì, 5 settembre 2019, dalle ore 14,00

Intesa su aumenti e nuovi ingressi

Aumenti per tutti. Da qui si riparte giovedì 5 settembre nella trattativa per la nuova convenzione, sbloccata a inizio agosto, quando è stata firmata una pre-intesa tra Sisac e sindacati Fimmg, Snami, Smi, Intesa sindacale. Un accordo sia economico - copre gli arretrati 2018- sia politico, accolto con favore dal presidente delle Regioni Stefano Bonaccini, governatore dell'Emilia Romagna, che ora si augura di chiudere entro l'anno. A tutta la medicina generale vengono attribuiti con decorrenza 1° gennaio 2018 arretrati più incrementi pari all'1,84% del monte retributivo, rispettivamente 0,75% di arretrati e 1,09% di aumento, per un totale di 74 milioni assegnati all'Assistenza primaria, 10 milioni alla continuità assistenziale, 1 milione alla medicina dei servizi e 2,87 milioni all'emergenza sanitaria territoriale-118. Il totale investito dal Servizio sanitario è di 88,35 milioni, cioè 1,41 euro/assistito/anno in più per i medici di assistenza primaria, 0,47 euro/assistito/anno in più per i medici di continuità assistenziale, 0,48 per i medici dei servizi e 0,52 per i medici del 118.

21.08.2019

Medici non specializzati in corsia nel Veneto, il Simet esprime la sua contrarietà

Ha scatenato la protesta della categoria, la decisione della Regione Veneto di assumere giovani laureati in medicina, abilitati ma non specializzati, per far fronte a una carenza di organico, che ormai va avanti da tempo. In Veneto lavorano circa 11mila medici, ma ne mancano almeno 1.300 per coprire l’intero fabbisogno di organico. Sulla vicenda il SIMET, insieme agli altri sindacati medici, ha espresso il dissenso, parlando in una nota congiunta di «svilimento della professione medica e della sua autorevolezza». Leggi il resoconto della vicenda su L'Avvenire

ferrante.jpg

07.08.2019

Complimenti al nostro Mario Ferrante, nuovo Direttore Generale Azienda Ospedaliera San Pio di Benevento

Il nostro dottor Mario Nicola Vittorio Ferrante è il nuovo direttore generale dell’Azienda Ospedaliera San Pio di Benevento. Il dottor Ferrante, che dovrebbe insediarsi il 12 Agosto al vertice dell’A.O. San Pio, ha diretto nell’ultimo incarico il ‘Sant’Anna e San Sebastiano’ di Caserta. Al dottore i complimenti di tutto il Simet, che guarda con soddisfazione questo riconoscimento. La competenza, a volte, paga.

01.08.2019

In Sisac l'8 agosto per trattative rinnovo ACN medicina generale

Facendo seguito alla comunicazione pervenuta dal Comitato di Settore in data 31 luglio 2019 (prot. n. 165/COMITATOREG-SAN) in merito all’andamento delle trattative in corso per il rinnovo dell’ACN della medicina generale e dando seguito tempestivo alle indicazioni ricevute, le organizzazioni sindacali risultanti dalla verifica di rappresentatività disposta alla data del 1 gennaio 2013, sono convocate presso la sede della Struttura (Roma, Via Barberini, 47) il giorno giovedì, 8 agosto 2019, alle ore 14,00.

28.07.2019

Le nostre ragioni per firmare il nuovo CCNL su Repubblica

Mazzoni: “Una firma convinta, un contratto che ci rimette in moto”.

“Una firma convinta, un contratto che ci rimette in moto”. Noi Medici del Territorio Simet veniamo da lontano e tuteliamo medici di medicina generale, medici ospedalieri e di pronto soccorso, dirigenti medici dei servizi territoriali. La nostra firma su questo contratto è stata convinta e coerente con la nostra storia di capaci mediatori per il bene comune di medici e pazienti. Crediamo nel Servizio Sanitario pubblico e ne siamo grandi sostenitori. Siamo partiti da una bozza inaccettabile e da richieste delle Regioni che hanno trovato spazio nel vuoto contrattuale e nei rimpalli di colpa col Mef, francamente irricevibili. Ora nel testo finale del CCNL per l’Area della sanità ci sono dei netti miglioramenti. Non è un CCNL coraggioso, ma è il migliore possibile, considerato il dirupo dal quale dovevamo risalire. Il contratto registra significativi passi in avanti, ad esempio per compensare il disagio e regolamentare l’emergenza sanitaria, e ci rimette in moto. Ora occorre completare il lavoro a livello della contrattazione aziendale, che sarà forse ancora più importante che in passato. Tutto al mondo è perfettibile, ma quello che abbiamo siglato non è il peggior contratto dei tanti che ho visto. Certo occorre vigilare sull’andamento e la reale volontà politica di finanziare il nostro futuro. La prevenzione, l’assistenza alla cronicità e agli anziani in un paese che invecchia sempre più richiedono la presenza diffusa sul territorio di una rete di servizi assistenziali e socio assistenziali fortemente integrati e coordinati. I Distretti devono continuare ad essere il fulcro dell’assistenza territoriale, interfaccia operativa cittadino-ASL, il luogo in cui avviene la reale presa in carico dell’assistito e non possono essere messi in pericolo da scelte gestionali e organizzative che spesso sono improvvisate. Leggi La Repubblica di oggi

foto_mazzoni_2.jpg

24.07.2019

SIMET ha firmato con convinzione il rinnovo del Contratto dei medici e dirigenti sanitari

“Una firma per rimetterci in moto”

La Nota stampa Simet sulla firma del contratto

“Una firma per rimetterci in moto” afferma il Segretario Mauro Mazzoni, che valuta positivamente la chiusura della trattativa. "Ho voluto fortemente questa firma. Siamo partiti da una bozza inaccettabile e da richieste delle Regioni che hanno trovato spazio nel vuoto contrattuale e nei rimpalli di colpa col Mef, francamente inaccettabili. Ora nel testo finale del CCNL per l’Area della sanità ci sono dei netti miglioramenti. Innanzitutto abbiamo garantito un futuro ai giovani medici, che possono ricostruire le carriere e si vedono riconosciuti anche i periodi di precariato. Poi siamo riusciti ad ottenere che le Aziende sanitarie garantiscano ai medici con 5 anni di servizio una posizione ed una retribuzione adeguate, superando la discrezionalità che governava.L’impegno è proseguito finanziando il disagio lavorativo. Le guardie notturne vedono raddoppiarsi il compenso, da 50 a 100 euro, 120 se di pronto soccorso. Questo non è un CCNL coraggioso, ma è il migliore possibile, considerato il dirupo dal quale dovevamo risalire. Francamente questo contratto registra significativi passi in avanti e ci rimette in moto. Ora occorre completare il lavoro a livello della contrattazione aziendale, che sarà forse ancora più importante che in passato. E non possiamo non attivarci già da ora per preparare il prossimo rinnovo che è già alle porte, preparando per tempo piattaforme unitarie e ripensando a modalità di contrattazione appropriate per professionisti del Ssn. I contratti peggiori sono quelli non applicati. Noi, con la nostra consuetudine alla mediazione e alla proposta di attività realizzabili tenuto conto della penuria di risorse, siamo riusciti a sbloccare una impasse che rischiava di farci finire ancora peggio. Gli aumenti, non elevati, ma ci sono. Abbiamo mantenuto la possibilità della carriera gestionale e professionale. Abbiamo qualche salvaguardia sugli orari del lavoro. Tutto al mondo è perfettibile, ma francamente quello che abbiamo siglato non è il peggior contratto dei tanti che ho visto". Mauro Mazzoni

IL NUOVO CCNLL

24.07.2019

Medicina generale. Bandi corso formazione entro settembre e test a dicembre

Le linee guida delle Regioni

D’accordo con il Ministero le Regioni hanno elaborato un documento con le indicazioni per sbloccare l’impasse sui bandi per il corso di formazione creatosi dopo le norme approvate nel Dl Calabria che prevedono la possibilità per chi ha maturato negli ultimi 10 anni 24 mesi di esperienze di poter accedere ai corsi senza borsa (quest'ultimi potranno fare domanda di accesso al corso in una sola delle Regioni nelle quali sono risultati idonei). LE LINEE GUIDA

24.07.2019

FIRMATO IL CONTRATTO DI LAVORO 2016-2018

Conferenza stampa oggi ore 12 presso la sede Enpam di Roma (Via Torino 38)

E' stato siglato nella notte il contratto di lavoro 2016-2018 dei circa 135 mila tra medici, veterinari e dirigenti sanitari del Servizio sanitario Nazionale. La pre-intesa è stata sottoscritta dalle sigle sindacali ANAAO ASSOMED–AAROI-EMAC–FASSID (AIPAC-AUPI-SIMET-SINAFO-SNR)–FP CGIL MEDICI E DIRIGENTI SSN – FVM Federazione Veterinari e Medici – UIL FPL COORDINAMENTO NAZIONALE DELLE AREE CONTRATTUALI MEDICA, VETERINARIA SANITARIA - CISL MEDICI. Il testo passa ora all'esame della Corte dei Conti e del Governo per le verifiche di competenza prima della firma definitiva delle organizzazioni sindacali.

19.07.2019

Lunedì proseguono le trattative per il rinnovo in ARAN

Intanto Codirp ha firmato il CCNQ per i permessi e distacchi sindacali

Lunedì 22 luglio alle 16 nuova riunione in Aran per le trattative di rinnovo CCNL, con previsione di proseguire il 23. La convocazione. Intanto la nostra confederazione Codirp ha siglato l'accordo sulle modalità di permessi e distacchi sindacali.

11.07.2019

Proseguono a ritmo serrato le trattative in Aran. Prossima convocazione il 16 luglio

Dopo la lunga riunione di ieri tra sindacati e Aran il ritmo delle trattative per il rinnovo del CCNL si fa serrato. Ora si aspetta che l'Aran stili il nuovo testo che recepisce alcune osservazioni delle OO.SS.. Prossimo appuntamento il 16 luglio. La convocazione

05.07.2019

Incontro produttivo ieri all'ARAN per rinnovo CCNL.

PROSSIMO INCONTRO 10 LUGLIO

Nel corso del lungo incontro di ieri si è raggiunta una pre-intesa verbale tra Aran e Sindacati sui fondi contrattuali, che si cercherà di armonizzare con clausole di garanzia e tutela per ogni professione.  Per quanto riguarda le risorse (aumenti medi di 200 euro) manca ancora il via libera del Mef al nuovo Atto d’indirizzo. Sui percorsi di carriera sono stati presentati dai sindacati alcuni emendamenti che dovrebbero essere accolti dall’Agenzia. Anche i  fondi di disagio e posizione verranno armonizzati, ma le richieste sindacali sono di incrementare notevolmente il fondo di disagio. Per dare seguito all’accordo verbale, ora l’Aran dovrà modificare la bozza di contratto inserendo tutte le modifiche sulle quali  si è raggiunta l’intesa. Il calendario prevede numerose riunioni da qui alla fine del mese per chiudere la trattativa a fine luglio. Prossimo appuntamento il 10 luglio. Convocazione

05.07.2019

Siglato ACN Specialistica Ambulatoriale

Si sono chiuse le trattative per il rinnovo del nuovo Accordo Collettivo Nazionale per la disciplina dei rapporti con gli specialisti ambulatoriali interni, veterinari ed altre professionalità sanitarie. Le organizzazioni Sindacali rappresentative a livello nazionale hanno siglato il nuovo ACN 2016-2018, riguardante oltre 18.000 tra specialisti, veterinari ed altri professionisti per un totale di circa 22 milioni di ore di assistenza erogate. La specialistica ambulatoriale è il primo comparto, per quanto riguarda i medici, a vedersi riconosciute le risorse attualmente disponibili per il rinnovo del contratto 2016-2018, prevedendo la riapertura del tavolo negoziale non appena saranno disponibili nuove risorse da assegnare alla dirigenza e al settore convenzionato. A questo punto l’augurio è che la chiusura dell’ACN della specialistica ambulatoriale sia di buon auspicio anche per il prosieguo delle trattative delle altre aree della medicina convenzionata, in stand by per l' attesa delle disposizioni dei cosiddetti decreti “semplificazioni” e “Calabria”.

03.07.2019

FASSID IN STATO DI AGITAZIONE A TARANTO: LEA A RISCHIO

Le sigle sindacali più rappresentative dell’ASL di Taranto, tra cui il FASSID, hanno comunicato lo stato di agitazione per le permanenti criticità assistenziali e le inadempienze contrattuali denunciate nel corso dei tavoli tecnici e degli incontri di consultazione/contrattazione, quali risultano dai verbali sottoscritti. Come denunciato dalle OO.SS in un comunicato congiunto le scelte di politica aziendale sinora poste in essere dalla Direzione Strategica deli' ASL TARANTO stanno compromettendo il mantenimento dei livelli essenziali di assistenza nel territorio della Provincia Ionica. Leggi la comunicazione intersindacale

27.06.2019

Il 3 e 4 luglio continuano le trattative in ARAN

La convocazione

Contatti | Mappa del Sito